Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 
Diego - 38 anniUn fine settimana a Maranza
 

Un panorama da sogno

Quando siamo arrivati al Familienhotel Alpenhof abbiamo capito subito che il legno non è solo un materiale caldo e accogliente, ma anche che può essere utilizzato per arredamenti moderni e di grande stile. Ne sono la prova gli interni dell’Alpenhof, realizzati all’insegna del buon gusto e capaci di trasmettere quella confortevolezza che solo il legno può dare. 
 
 
 
 
 
Chi si ferma è perduto
Appena entrati in stanza abbiamo messo giù i bagagli, scostato le tende e… spettacolo: il panorama ci ha letteralmente lasciati senza fiato. Davanti a noi si stendeva un’ampia vallata protetta da antichissimi guardiani: le Dolomiti. In quel momento avrei voluto essere un uccello, abbandonarmi alle correnti d’aria e volteggiare per tutta la valle. Sarei rimasta chissà quanto ancora a contemplare questa meraviglia della natura, purtroppo però, da circa tre anni a questa parte, a decidere non sono più solo i genitori… e così ci siamo fiondati sulla neve!

200 metri sopra l’albergo abbiamo notato una pista per sciatori in erba e, proprio di fronte, un grande prato ricoperto di neve. Poi c’erano anche un’altalena e una collinetta, ideale per slittare. Come prima cosa ci siamo avventurati nella neve fresca e abbiamo costruito un pupazzo di neve divertendoci tantissimo, cosa che a casa riusciamo a fare raramente per mancanza di tempo. Non ci è sembrato vero: un giorno intero senza dover badare a nulla, andare a fare la spesa o cucinare, ma pensare solo a divertirsi ed essere serviti e riveriti.

Stanchi e affamati siamo rientrati in albergo per la merenda pomeridiana a base di dolci, e abbiamo capito subito che sarebbe stato difficile scegliere tra strudel, torte al cioccolato o alla frutta e altre ghiottonerie. Allora ci siamo scambiati un rapido sguardo d’intesa, abbiamo messo nel piatto una fetta di ogni dolce e siamo andati a sederci nel tavolo più nascosto della sala...

Tornati nel nostro appartamento ci siamo tolti le tute da sci e siamo tornati davanti alla finestra, a far godere ancora gli occhi e l’anima. Saranno passati sì e no tre secondi e ho sentito qualcuno che mi tirava per la maglia: la nostra piccola si annoiava a morte e voleva andare in piscina. Quindi abbiamo detto ancora addio all’estasi panoramica e siamo scesi nella zona piscine. Dopo un paio di vasche mi sono infilata in una delle nicchie di legno: che belle che sono! Sembrano delle piccole grotte ma con le pareti di legno, e trasmettono una piacevole sensazione d’intimità. Mia figlia ha fatto un gridolino di gioia, si è stretta nel suo asciugamano e si è stesa sul lettino della grotta. Io l’ho subito imitata e confesso che anche a me è sfuggito un gridolino di piacere :-)

Sazi, stanchi ma felici
Per cena ci aspettava un buffet ricco di sapori e di profumi. Tra l’altro, siccome la nostra signorina si era stancata per bene durante il giorno, siamo riusciti a mangiare con la massima tranquillità. Cosa che non capitava da chissà quanto tempo! E così, un po’ come nella favola del “tavolino magico” dei fratelli Grimm, ci siamo rimpinzati con fegato d’anatra, salmone, zuppa di cozze…

Dopo cena nostra figlia ha corso come una disperata da una stanza dei giochi all’altra, perché non sapeva decidersi. In questo senso non ha preso nulla da me, anche se, ripensandoci, di fronte al buffet dei dolci del pomeriggio anch’io ho avuto delle difficoltà…

Ad ogni modo alle otto, appena le ho rimboccato le coperte, Steffy è volata nel mondo dei sogni. Finalmente potevamo goderci il nostro panorama. E invece no, perché ovviamente si era fatto buio. Allora ci siamo messi a guardare le costellazioni. In quel momento ho capito che dovremmo guardarle più spesso, le stelle. Poi ho preso la mano di mio marito.

Lenta la neve fiocca, fiocca, fiocca…
Al mattino ci siamo svegliati con una meravigliosa sorpresa: stava nevicando. E così, mentre la piccola dormiva il sonno dei giusti, noi finalmente abbiamo potuto dedicarci al paesaggio. I fiocchi di neve scendevano a ritmo regolare, guardandoli provavamo una sensazione quasi ipnotica. Dopo qualche minuto tutto il mondo era sommerso da una morbida e candida coltre, e ci siamo sentiti pervasi da un meraviglioso sentimento di quiete e serenità.
 

Vi siete incuriositi?

Ecco cosa vi aspetta in questo Familienhotel

 
Familienhotel Alpenhof ****
Valle Isarco - Maranza
Relax o attività in montagna? A voi la scelta
Dettagli dell'alloggio