Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 
Pirmin - 29 anniUn Familienhotel veramente “bestiale”!
 

Mia figlia, gli alpaca e io

“Questo fine settimana lo passiamo a Monticolo, al Gartenhotel Moser”, mi dice all’improvviso mia moglie guardandomi dritto in faccia per vedere l’effetto che fa. Allora: in linea di principio l’idea di un weekend in albergo mi piace molto, il punto è che abbiamo una bimba di due anni che ha ereditato il temperamento di suo padre. E l’idea di passare il tempo a portarla in giro, dirle di stare seduta, di non parlare a voce alta, non è che mi faccia impazzire. Ad ogni modo non posso dire di no e quindi… ma sì, andiamo a Monticolo, tanto in fondo si tratta solo di una notte.
 
 
 
 
 
Il sabato mattina il tempo è clemente con noi: un cielo azzurro come non mai e temperatura estiva, tanto che lungo i dolci falsipiani che portano a Monticolo guido persino con il finestrino abbassato. Arrivati in albergo provo un’immediata simpatia per la signora alla reception, perché mi dice che posso parcheggiare la macchina in garage. Ottimo, penso, così starà al fresco ma anche al riparo da bambini scatenati, grandine e altri possibili fattori di disturbo.

Il temo di disfare i bagagli e usciamo subito a fare una passeggiata verso il lago di Monticolo, anche per far fare alla nostra piccola Norah il riposino di mezzogiorno. Magari… A un certo punto si tira su dritta, guarda verso destra e indicando col ditino dice: “auallo!” Vorrebbe dire cavallo, in realtà si tratta di un alpaca. Glielo dico e lei subito: “aca!” Sì tesoro, alpaca. Per la precisione ce ne sono quattro, e vivono in un ranch tutto per loro. Bene, penso, mia figlia ha già trovato qualcosa che la interessa. Ad ogni modo dopo dieci minuti è nuovamente in posizione orizzontale, e noi la imitiamo sdraiandoci sui lettini a bordo piscina.

La cognizione del tempo va ben presto a farsi benedire e, dopo non so quante ore (o minuti), apro gli occhi e “non ricordavo che avessi gli occhi così neri, cara”, dico tra me e me riferendomi a mia moglie. ODDIO, COS’E’? È un alpaca, che mi osserva placidamente a 20 centimetri dalla mia faccia. Come ci spiegheranno poi in albergo, queste bestie hanno facoltà di muoversi liberamente nel terreno del Gartenhotel Moser, sono docilissimi e naturalmente i bambini ne vanno pazzi.

Prossima fermata: il megascivolo! Acchiappo mia figlia e voliamo alla partenza, anche perché mia moglie sa fare le foto molto meglio di me. Dopo aver allenato fiato e gambe andando su e giù dallo scivolo, non c’è niente di meglio che una bella nuotatina nella piscina interna riscaldata e poi tutti in stanza a farsi belli per la cena. A proposito di stanza: non è una stanza, ma una reggia. Ci sono due zone notte, così io e mia moglie possiamo riposarci e nostra figlia può dormire in santa pace fino alle 8 come sempre.

Prima però, mentre la mamma si mette in ghingheri per il ristorante, io e Norah facciamo un’altra capatina dai nostri amici alpaca: “Aca, aca!”… A tavola come prima cosa studio la carta dei vini, ben assortita, e poi mi dedico a una delle mie attività preferite: mangiare un bel piatto di carne. Mi servono un filetto di maiale cucinato magistralmente e confesso che ne avrei volentieri fatto fuori un altro.

La mattina dopo mi sveglio con la voglia pazza di fare colazione, chissà perché in alberghi come questo mi viene una fame da lupi! Mentre Norah disegna qualcosa che dovrebbe essere un alpaca, decidiamo su due piedi che resteremo qui tutto il giorno e partiremo solo la sera. D’altronde Norah si sente come nel paese dei balocchi con tutti i giochi a disposizione, e noi ce la godiamo alla grande sui lettini a prendere il sole.

Giunta sera è ora di imboccare la triste via del ritorno: siamo stati via appena due giorni ma ci sentiamo riposati come non mai. “Aca!!”, dice la mia piccola salutando per l’ultima volta i suoi amici. Tranquilla, dico io, presto torneremo qui a trovare gli alpaca. La prossima volta comunque la prenotazione la faccio io e staremo almeno 2-3 giorni in più. Certo però che se devo sempre fare tutto io…
 

Vi siete incuriositi?

Ecco cosa vi aspetta in questo Familienhotel

 
Gartenhotel Ramus & Suites Moser al lago ****s
Bolzano Vigneti e Dolomiti - Appiano sulla Strada del Vino
Una vacanza nel verde in riva al lago
Dettagli dell'alloggio