Utilizziamo cookie per assicurarti una migliore esperienza sul sito. Utilizziamo cookie di parti terze per inviarti messaggi promozionali personalizzati. Per maggiori informazioni sui cookie e sulla loro disabilitazione consulta la Cookie Policy. Se prosegui nella navigazione acconsenti all’utilizzo dei cookie.
 
 
 
 
Evi - 39 anniUn fine settimana per sole donne: due grandi e una molto piccola.
 

Due donne, un bebè e un venerdì 13...

Erano settimane che aspettavo di passare un weekend nel Familienresidence Grafenstein di Cermes assieme a mia figlia Mayla e a Mirjam, la sua madrina di battesimo. Sauna, nuotate, wellness, relax a 360 gradi… ecco come mi immaginavo questo weekend in Alto Adige. Ma l’amica Mirjam aveva frenato i miei entusiasmi: “Vedrai, andare in vacanza di venerdì 13 non porta bene”.

Quando siamo arrivati al Grafenstein siamo stati accolti con grande cordialità e la mia piccola Mayla, due anni ancora da compiere, ha ricevuto un regalo di benvenuto molto carino: nientemeno che Re Laurino in persona, sotto forma di un morbidissimo pelouche.
 
 
 
 
 
Il paese della cuccagna!
Il Familienresidence Grafenstein è splendidamente adagiato in mezzo ai vigneti, con un parco giochi di dimensioni indescrivibili e una piscina con un panorama da mozzare il fiato. “Mamma, che fortuna che abbiamo avuto!”, mi dice Mayla tirandomi per la manica. Mirjam però non è della stessa opinione: sta cercando disperatamente il suo cellulare. O l’ha dimenticato a casa oppure, molto peggio, l’ha perso. “Tutta colpa del venerdì 13”, ripete in continuazione mentre rovista nella borsa.

Piscina con vista sulla Val d’Adige
Mentre io e Mayla ci divertiamo un mondo nella piscina coperta, ammirando lo straordinario panorama e rilassandoci alla grande, Mirjam – che nel frattempo era tornata a casa in cerca del telefonino smarrito – è tornata più furiosa di prima: nessuna traccia del cellulare. “Io odio il venerdì. E specialmente il venerdì 13”.

Quando Mayla si è addormentata, mi sono immediatamente fiondata in sauna a purificarmi il corpo con una bella dose di benefico calore. Mi piace tantissimo inspirare profondamente il profumo del legno e degli aromi essenziali. E dopo un quarto d’ora di sana sudata e di meditazione, non c’è niente di meglio che immergersi nell’acqua fredda e seguire il percorso Kneipp.

Ma quant’è bello lo stile alpino
Devo ammettere che grazie a questa atmosfera rilassata non ho avuto difficoltà a dimenticare in fretta lo stress, i cattivi pensieri e gli impegni quotidiani. Per chiudere degnamente la serata abbiamo ordinato un aperitivo Hugo, ma subito dopo aver brindato e bevuto il primo sorso, ecco che un bicchiere è scivolato dal tavolino frantumandosi in mille pezzi sul pavimento. Mirjam ha scosso la testa e non ha detto niente, ma io so cos’ha pensato. Ho continuato a bere assaporando il gusto del sambuco, la menta e le bollicine. Secondo me è solo una questione di predisposizione…

Dimenticato l’incidente e ritrovata l’allegria, siamo tornate in stanza. Beh, chiamarla stanza è riduttivo, direi piuttosto un’accogliente suite familiare. Caldi pavimenti in legno, arredi pregiati ed eleganti: io vado pazza per lo stile alpino interpretato in chiave moderna!

Colazione nella lounge del Grafenstein
Frutta, tantissima frutta locale ed esotica, tutta schierata in un tripudio di colori: questo il primo impatto visivo con lo straordinario buffet della colazione. E poi salumi e formaggi di ottima qualità, uova al tegamino, croissant, confetture fatte in casa, müsli biologico con yogurt… insomma, tutto quello che si può desiderare per una colazione da sogno. Ci saremmo rimasti per ore e ore, nella lounge del Grafenstein, solo che Mayla non era d’accordo: saltellando nervosamente da un piede all’altro, ci indicava la strada della piscina. Prima di andare però ho voluto a tutti i costi fotografare questo impareggiabile buffet. E mentre cerco lo smartphone nella mia borsa cosa ti trovo? Esatto: il cellulare di Mirjam. D’altronde, venerdì 13 era ormai passato…

Scaramanzia a parte, per me il weekend al Familienresidence Grafenstein è stato fortunato fin dal primo giorno, perché ho avuto la possibilità di trascorrere momenti bellissimi con mia figlia e la mia amica/madrina. Il personale premuroso, gli animali del mini zoo, la felicità dei bambini che giocano, l’amorevole assistenza dei piccoli… Che dire? È stato tutto perfetto. Credo proprio che ci tornerò, magari in un altro venerdì 13. Anche Mirjam è d’accordo: dice che non osa neanche immaginare, come sarebbero andate le cose se fossimo state in un altro posto!
 

Vi siete incuriositi?

Ecco cosa vi aspetta in questo Familienhotel

 
DAS GRAFENSTEIN - Familienresidence & Suiten ****s
Merano e dintorni - Cermes
Vacanza in una posizione da sogno
Dettagli dell'alloggio